Caso di studio di bioedilizia – Casa Corra’

Casa Corra’ – Bassano del Grappa (VI) 2012

Casa Corrà rappresenta una tappa importante perché questa residenza racchiuse i veri significati del buon costruire. Il progetto iniziale sia in pianta che in prospetto racchiude una geometria aurea  e magica.

I committenti, l’orientamento, il significato progettuale, l’abitabilità, la luce, il calore diventano caratteristiche portate al massimo rendimento. Gli abitanti di questa casa vivono con essa in una sana armonia di benessere.

La casa, ha una tecnologia di base essenziale ed elevatissima dove il risparmio energetico, l’isolamento termico e acustico,  raggiungono risultati eclatanti. Entrando nel dettaglio del progetto gli obiettivi principali che ci siamo prefissati sono stati: la riduzione delle dispersioni termiche dell’involucro attraverso un isolamento termico dell’edificio, l’eliminazione dell’apporto di combustibile di origine fossile (gasolio, metano, gpl, ecc. ecc.). La Riduzione dell’apporto di energia elettrica da ente terzo, tramite autoproduzione con fotovoltaico. L’uso totale di energie rinnovabili dalla terra con 2 sonde geotermiche, dal sole con impianto fotovoltaico per far funzionare l’impianto di produzione acqua calda in pompa di calore e infine dall’aria con impianto di ventilazione e condizionamento degli impianti.

Recupero dell’acqua piovana per i servizi non potabili. Possiamo quindi definirla una casa “vivente” che dialoga in continuazione con i  fruitori e l’ambiente circonstante.

Scopri di più sulla geometria progettuale